mercoledì 8 gennaio 2014

Visitare Oslo. Recensione



Cenni Storici

Conosciuta anche come Christiania dal 1624 al 1878 e come Kristiania dal 1878 al 1924) è una città del nord Europa ed è la capitale e la più grande città della Norvegia. Con una popolazione di circa 618.378 abitanti, accoglie il 12% circa della popolazione norvegese. Tuttavia, considerando l'intera area metropolitana, comunemente chiamata "regione della grande Oslo" (Stor-Osloregionen), che si estende ben oltre i limiti del comune, si ha una popolazione complessiva di 1.422.443 abitanti (2010). I confini geografici della contea di Oslo e del comune sono coincidenti.



Oslo è situata in fondo allo Oslofjord, un fiordo all'interno del bacino dello Skagerrak. Il fiordo è quasi tagliato dalla penisola di Nesodden di fronte alla città, a sud; in tutte le altre direzioni invece Oslo è circondata da verdi colline e montagne. All'interno dei confini della città ci sono 40 isole, la più grande delle quali è Malmøya che misura 0,56 km², e 343 laghi il più grande dei quali è il Maridalsvannet, che misura 3,91 km², questo lago rappresenta anche la maggior fonte di approvvigionamento d'acqua potabile per una vasta parte della zona occidentale di Oslo, principalmente Vestre Aker e Nordre Aker.
Il punto più alto della città è rappresentato dal Kirkeberget che con i suoi 629 metri svetta sul centro cittadino. La popolazione cittadina rappresenta un numero modesto di persone se comparata a quella delle altre capitali europee, ma c'è da mettere in conto che l'area urbana benché decisamente grande, è occupata per due terzi da aree protette che comprendono laghi, foreste e colline, fatto questo che dà alla città un aspetto arioso e pieno di aree verdi. Per questo motivo non è raro incontrare durante i mesi invernali esemplari di alci all'interno delle strade cittadine.
Il nucleo più antico di Oslo è a nord della fortezza trecentesca di Akershus e rappresenta il centro vitale della città. La via principale è Karl Johans Gate. Su questa arteria lunga un chilometro e mezzo si affacciano gli edifici storici. Il palazzo reale della prima metà del 1800, il Teatro Nazionale in stile rococò, la sede del Parlamento del XIX secolo, l'università datata 1851.


La valuta nazionale è la corona norvegese (NOK) divisa in 100 øre. 1 € corrisponde a circa 8,5 nok.




Oslo è ormai collegata facilmente dai principali aeroporti europei con voli  low cost che portano all’aeroporto di Moss Rygge situato a  66 km a sudest di Oslo.
Dall’aereporto si può raggiungere la città tramite pullman, il pullman Rygge-ekspressen vi porta direttamente dal Bus Terminal di Oslo all’aeroporto di Moss Rygge. Il viaggio è di circa un’ora e le partenze del pullman sono in coincidenza con la maggior parte dei voli internazionali e per alcune destinazioni nazionali, o via treno, arrivando alla stazione di Rygge tramite navetta gratuita dall’aereporto.
I mezzi pubblici metro ed autobus funzionano perfettamente e coprono tutte le attrazioni turistiche da vedere.
Oslo è una delle città più care del mondo quindi conviene farsi il pass turistico l’Oslo pass, che consente di avere accesso presso tutti i principali musei della città e di utilizzare liberamente i trasporti pubblici.
L'Oslo Pass valido  per 24, 48 o 72 ore dà ingresso gratuito in più di 30 musei e attrazioni, trasporto pubblico gratis in città,

 
oltre a parcheggi comunali gratuiti e ingresso gratuito in una piscina all'aperto in città. L'Oslo Pass include anche visite guidate a piedi. L'Oslo Pass offre inoltre sconti su tour guidati, sul biglietto per il parco divertimenti Tusenfryd, sul simulatore sci, e su noleggio sci. L'Oslo Pass dà anche sconti in alcuni ristoranti e negozi.
Con l'acquisto dell'Oslo Pass riceverete anche un libretto che spiega tutto quello che dovete sapere sull'Oslo Pass e i suoi vantaggi.
Lo si può comprese presso i principali ostelli, e gli uffici di informazioni turistiche.

Tre giorni ad  Oslo.









Innumerevoli sono le cose da vedere a partire dal centro storico raggiungibile  facilmente dalla stazione ferroviaria e visitabile a piedi. Lungo tale passeggiata da non perdere sono il Duomo, la strada dello shopping la “Karl Johans gate“, continuamente riversa di gente soprattutto nel fine settimana, i palazzi del Parlamento Norvegese e del Teatro Nazionale. A seguire  la Galleria Nazionale (domenica l’ingresso è gratuito), con i capolavori di Picasso, Van Gogh, Renoir, Cezanne, ma soprattutto Munch: vi è infatti un’intera sala dedicata all’artista norvegese e all’interno ritroverete anche le due opere più famose: “L’urlo” e “La madonna“.
Infine il Palazzo Reale, visibile ,però solo dall’esterno.
Un’altra zona da visitare è quella del porto con il Municipio dal singolare color rossastro, (in una delle sue sale viene riconosciuto il Premio Nobel per la Pace).
Una visita alla Fortezza di Akershus, è d’obbligo. Questa si sporge sul porto con il suo maestoso complesso costituito dal Museo della Difesa oltre alla splendida visto sul relativo fiordo.
Dalla zona portuale si possono prendere i traghetti per andare a visitare il museo delle navi vichinghe, quello del folklore norvegese, il museo Fram e il museo Kon Tiki dedicati alle principali imprese norvegesi nel campo delle esplorazioni.







Per finire non si può mancare di visitare la zona di Homenkollen, raggiungibile con metropolitana, perchè fuori mano dove vi è il Museo dello Sci, che copre ben 4000 anni di storia di questo sport, e  la famosa Torre del Trampolino (dove è possibile provare l’emozione di una simulazione del lancio dal trampolino), l’incantevole Parco Vigeland, dal nome dello scultore le cui opere “gremiscono” il parco. 









Sono più di 300 statue bronzee o in marmo che circondano questa grandissima area alberata ed il museo Munch che raccoglie tutte le principali opere dell’autore tranne pero il famoso Urlo che visitabile presso la galleria nazionale.



Fonti:

Nessun commento:

Vota questo articolo