domenica 28 luglio 2013

Il “Project ISIS” ed il visitatore Osiris



Il “Project ISIS” è un presunto progetto, dell’ex KGB che riguarda il rinvenimento di una tomba in Egitto, nella piana delle piramidi di Giza, che racchiuderebbe il corpo di un possibile alieno: il visitatore Osiris.

Tale scoperta sarebbe stata immortalata in un documentario, trasmesso in esclusiva dalla rete televisiva americana Sci-Fi nel 1998, chiamato The Secret KGB Abduction Files, del quale il team di specialisti, della rete stessa, incaricato di valutare la pellicola ne confermò l’autenticità, e che avvalorerebbe l’ipotesi che questo corpo risalirebbe al 10.500 Avanti Cristo, grazie all’analisi del Carbonio14, oltre che a calcoli astronomici, ( nel 10500 a.C.  la cintura di Orione era esattamente sopra le tre piramidi di Giza).
Il network televisivo americano ha trasmesso il filmato una sola volta e nessun altra copia del video è disponibile, tranne quelle che sono disponibili grazie a chi all’epoca penso di registrare la trasmissione.
In pratica il video espone la scoperta della mummia “aliena”, che avrebbe una lunghezza di circa due metri e la sua testa, ricostruita al computer, ricorderebbe quella degli alieni Grigi.

Tutto è cominciato con le rivelazioni di Viktor Ivanovich, un astrofisico e neurologo russo ingaggiato dal Cremlino come consulente scientifico per lo sviluppo di sistemi di propulsione avanzata.

Come racconta egli stesso a Sci-Fi, Ivanovich ebbe accesso ad alcuni dossier segreti del KGB nel quale si parlava di una spedizione del 1961 nell'ambito del “Progetto Iside”, il cui obiettivo era quello di scoprire tracce di conoscenze e tecnologie dell'antico Egitto che potessero essere applicate in ambito militare.

Il team della missione era composto da egittologi dell'Accademia Sovietica delle Scienze, un certo Herman Alekseen, presente come egittologo dell'Ermitage Museum, esperti militari specializzati in radioattività e chimica, alcuni astronomi, tra cui Yuri Valdimir, e Sami Sharaf, segretario di Gamel Abdel Nasser, il secondo presidente della Repubblica d'Egitto. 
Se si considera il periodo storico nel quale sarebbe avvenuta la spedizione, non stupisce l'asse politico tra l'Egitto e l'Unione Sovietica. Già nel conflitto del 1956, quando Israele invase i territori egiziani a seguito della Crisi del Canale, l'URSS si schierò al fianco dell'Egitto. Si stima che quando il Progetto Iside ebbe iniziò, il personale militare sovietico presente in Egitto raggiungesse le 20 mila unità.
La spedizione fu organizzata all'indomani della scoperta casuale di una misteriosa tomba da parte di due beduini di Magbarat Alzoar. I due malcapitati, dopo essere entrati nella tomba, furono colti da malore e ricoverati in ospedale. Quando furono interrogati dagli agenti del KGB e dei servizi segreti egiziani, i beduini continuavano a ripetere di aver trovato “il Dio Visitatore”.


Osiris o osiride è una delle divinità dell’Enneade, (il pantheon degli dei degli antichi egizi), ed il suo culto fu uno dei maggiori dell’antico Egitto, dove le sue statue decoravano moltissimi cortili dei templi. Secondo la tradizione era originario della città di Busiris e fu sepolto nella città di Abydos, centro del suo culto celebrato con riti e processioni, dove il simulacro della divinità veniva trasportato con la neshmet, (barca sacra, battello fluviale elevato a simbolo di imbarcazione rituale, come attesta la vasta documentazione iconografica-letteraria e veniva usata come mezzo di trasporto in ambito funerario e religioso.)

Osiride era il dio egizio degli inferi, oltre che della fertilità.

Nella mitologia egiziana, fu il primo faraone ucciso e poi resuscitato dalla morte dalla moglie, Isis




Fonti:
Atlantide ritrovata - Pagina 125 -

Nessun commento:

Vota questo articolo