giovedì 13 dicembre 2012

Body building: l'allenamento piramidale parte 1




Il sistema di allenamento piramidale riproduce una delle massime configurazioni di imposizione dì lavoro con sovraccarichi.
Viene usato sia nel body-building che negli sport di "potenza",  e si distingue nelle varie modalità di applicazione.

 In generale con l'allenamento piramidale e specialmente l'allenamento piramidale inverso, un soggetto viene allenato favorendo stimoli "multilaterali".
Un discorso a parte riguarda l'utilizzo proprio che è stato assegnato a questo metodo nel body-building. Nel culturismo, come è risaputo l’obiettivo principale è l'aumento delle dimensioni dei muscoli, quindi lo stimolo causato dall’allenamento deve essere tale da determinare delle reazioni necessaria al risultato ricercato.

La paternità del metodo piramidale va attribuita al capitano dei marines De Lorm (1945), il quale introdusse intelligentemente una sistematica e logica strutturazione del valore della resistenza del carico da utilizzare in rapporto al numero di ripetizioni da eseguire.
Il Sistema piramidale è una delle più diffuse metodologie usate nell'allenamento di resistenza, e implica più serie di un esercizio.
 Nonostante venga riconosciuto in diverse maniere a seconda degli autori, esistono diverse differenziazioni  del metodo, con un punto comune però: il cambio del carico con il crescere delle serie in maniera crescente o decrescente.
Esistono sostanzialmente quattro variabili del Metodo piramidale:
le Mezze piramidi consistono nel variare il peso progressivamente solo in maniera crescente (Light to heavy) o decrescente (Heavy to light) durante le serie previste, mentre le piramidi doppie o con ritorno (da alcuni riconosciute come le Piramidi classiche) prevedono che i sistemi crescente e decrescente vengano uniti tra loro consecutivamente. Partendo ad esempio da carichi bassi si arriva a sollevare il massimo del carico durante la progressione delle serie, per poi tornare progressivamente verso il peso iniziale. Il processo può essere svolto anche in maniera inversa (Light to heavy/Heavy to light o Heavy to light/Light to heavy).........

Fonti:
http://www.inerboristeria.com

Nessun commento:

Vota questo articolo