martedì 5 giugno 2012

UFO mar Baltico: scoperto altro oggetto non identificato





Venerdì, 1 giugno un team di oceanografi, ingegneri e sommozzatori l’Ocean Explorer è tornato nel mar  Baltico  sui fondali del Golfo di Botnia, fra Svezia e Finlandia,(vedi articolo precedente), per mettere definitivamente la parola fine al mistero dell’oggetto non identificato rilevato sul fondale marino un anno fa circa. Invece l’arcano sembra infittirsi ancor di più dato che dagli ultimi sviluppi, compare che  il team Ocean Explorer ha rinvenuto un altro, più piccolo oggetto dalla fisionomia di disco, proprio vicino a quello che tutti conoscono. Ambedue presentano una coda o segni di trascinamento per più di  400 (con esattezza 437 metri) di lunghezza.


Lindberg , a capo della spedizione, ha spiegato: “confermo che abbiamo trovato due anomalie. Ne abbiamo trovata un’altra di circa 200 metri (circa 219 metri) dalla forma circolare, trovata dal sonar stesso”. Lindberg poi ha detto ai giornalisti ché la sua squadra deve ancora rilasciare un’immagine ufficiale del secondo oggetto. “Abbiamo deciso di non esporre l’immagine al pubblico, anche perchè intorno a questa anomalia ci sta molto disturbo sull’immagine sonar, quindi è molto sfocata. Possiamo vedere qualcosa, ma ad un occhio inesperto potrebbe essere scambiata come una ‘zuppa di piselli.‘ “Quando le immagini del secondo oggetto sono state viste, abbiamo potuto vedere che i due oggetti non si somigliano affatto.
Lindberg ha ipotizzato che i due oggetti potrebbero essere collegati in qualche modo: “vi è una possibilità che le due anomalie potevano fa parte di un unico corpo, dello stesso corpo fin dall’inizio. Ma al tempo stesso potrebbe non significare nulla, potrebbe essere una coincidenza”.



Fonte dalla rete

Nessun commento:

Vota questo articolo