domenica 18 dicembre 2011

Aspettando il 2012: Yucatan, Italiani si rifugiano in bunkers




Nei pressi del villaggio di Xul, (costruito vicino ad un antico insediamento Maya di nome Kiuic), nella penisola dello Yucatán, nel Messico settentrionale, un gruppo di italiani, la cui identità ancora non è stata rivelata, in attesa degli eventi più o meno catastrofici che si dovrebbero verificare nel 2012 , ha deciso di stabilirsi.

In un'area che si estende per circa 800 ettari, acquistata due anni fa, in pochi mesi ecco così sorgere Las Aguilas, una città in miniatura.
La zona non è stata scelta casualmente.
Il luogo di cui si parla si trova sui monti dello Yucatán, in piena foresta ed il nome di origine  Maya indica «fine» o «finale».
Chi siano questi italiani e come siano riusciti a costruire questa città-rifugio è top secret. Al momento infatti, anche grazie alla stampa messicana che si è insospettita, sono state allertate le autorità dell'emigrazione e i centri di indagine anti-setta che hanno scoperto che alcuni degli italiani coinvolti hanno già chiesto e ottenuto la cittadinanza messicana. 
Si tratta comunque di 38 famiglie italiane, 80 persone in tutto, che hanno abbandonato il nostro Paese per aderire all'associazione quasi esoterica ''Quinta Essencia''.
A capo del progetto ci sarebbe una psicologa italiana.

Di rado escono dal loro insediamento, peraltro costantemente sotto sorveglianza e comunque si tratta di persone molto ricche. Infatti, Las Aguilas, dalle informazioni che sono trapelate, è stata progettata da un'architetta locale, Karina Valle che ha realizzato 24 edifici , di pregevole fattura, con pareti di 60 centimetri di spessore in materiali speciali in grado di sopportare cambiamenti di temperatura estremi, radiazioni, fuoco o inondazioni.

L'architetto ha dichiarato che «gli italiani non pensano che stia arrivando la fine del mondo, ma che il 2012, la data indicata nella profezia Maya, sia indicativa di una catastrofe naturale e hanno deciso di rifugiarsi qui per proteggersi». A capo del progetto ci sarebbe una psicologa italiana, che al momento si troverebbe a Veracruz in un presunto ritiro spirituale e che dovrebbe recarsi nello Yucatan a settembre, per controllare che tutto proceda come previsto. 


Il “Rifugio delle Aquile”, tuttavia, non è il solo insediamento costruito in attesa del2012. Altri gruppi si stanno formando in Francia, si rifugeranno tutti a Bugarach. In California è possibile prenotare un posto per se e per i propri cari all’interno del Doom Bunker. La spesa per essere ammessi è di 50 mila dollari, i bambini pagano la metà e gli animali gratis.



Fonti:

Nessun commento:

Vota questo articolo