mercoledì 10 agosto 2011

Body Building - Il metodo B.I.I.O




A cura di Emanuele Giuliani



L'introduzione di una diversa filosofia d'allenamento in uno o più sport è sempre molto difficile. In special modo nel mondo del bodybuilding, dove l'evoluzione sembra riguardare solo i dosaggi e/o le tipologie di sostanze dopanti e, per fortuna, anche gli integratori legali; il training, al contrario, è nella maggior parte dei casi sempre quello divulgato, trito e ritrito, dai Weider e dai loro "campioni" ormai da 40-50 anni. L'uscita del libro "La scienza del natural Bodybuilding - metodo BIIO", nel marzo del 2001, è stata sì accolta con entusiasmo da migliaia di atleti, ma anche da un certo, giustificato, scetticismo (in qualche caso da vera e propria ferocia) da molti tradizionalisti "Old Style". Secondo il mio parere, le discussioni teoriche possono essere interessanti, ma alla fine quello che conta sono i risultati. Il problema è che essendo un metodo "giovane" e non "il metodo", prima di diffondersi adeguatamente, essere assimilato e compreso, per estrapolare il massimo della performance, ci vuole del tempo. Senza contare che, essendo comunque una strategia dedicata soprattutto ad atleti natural, i risultati sono ovviamente inesorabili sì, ma più lenti. Tuttavia dopo tre anni, il 2004 si può considerare il primo anno di maturazione per quanto riguarda la quantità e la qualità dei risultati dei BIIOlogi, sia nel bodybuilding, ma anche in altri sport "insospettabili".
Per comprendere bene le basi delle nozioni e dell'allenamento proposto, bisogna capire che la piu grande disgrazia del body building è la mancanza di programmazione, o almeno di organizzazione dell'allenamento, nei programmi proposti dalle palestre. Di solito un iscritto in palestra chiede la tanto agognata scheda all'istruttore e riceve un indegno foglio con 4-6 sercizi per gruppo muscolare, 4 serie da 10, 4-7 volte settimanali, che il malcapitato si porta appresso a volte anche per mesi e mesi.
Negli altri sport, invece, la ciclizzazione dell'allenamento è una prassi pressoché di routine ed estremamente consolidata. Bene, anche nella cultura fisica periodizzare il training, assieme alla riduzione del 75% del volume di lavoro, può portare a risultati straordinari.
Perciò soltanto una costante applicazione di valide e codificate metodologie dell'allenamento può portare a risultati cercati e non casuali.
Ma cosa significa B.I.I.O?

Breve , Intenso, Infrequente, Organizzato

Per capire questo iniziamo dalle fondamenta ed analizziamo i vari parametri che compongono un allenamento di natural body building.
Per gettare le basi atte a costruire un training organizzato, si deve per forza studiare uno dei processi piu importanti dell'organismo: la supercompensazione. Si tratta del meccanismo fisiologico per cui il nostro corpo si adatta alla sollecitazioni esterne. Se per esempio, prima di una seduta di body building, abbiamo un certa quantità di energia di base, con l'esercizio perdiamo momentaneamente le nostre capacità neuro-muscolari. Nei giorni successivi i processi di rigenerazione restaurano tali capacità con un livello, però, leggermente superiore al precedente.

Tabella 1

supercompensazione

Questo perché il nostro organismo vuole premunirsi contro altri, eventuali, attacchi.
Può succedere, però, che un atleta si rialleni prima dell'avvenuta supercompensazione. In questo caso non c'è miglioramento della prestazione o della massa muscolare, anzi può avvenire addirittura un peggioramento. è quello che succede quando non si lascia passare il giusto tempo di recupero tra una seduta e l'altra. Infatti, pur essendo una cosa molto soggettiva, il tempo minimo che deve passar tra un allenamento e l'altro per uno stesso muscolo è mediamente 7 giorni.
Quindi le sedute di allenamento devono essere molto più rare delle solite 4-7 che propongono in quasi ogni palestra; in altre parole i vostri allenamenti devono essere assolutamente INFREQUENTI. La durata ideale di una singola sessione deve essere compresa tra i 40-45 e gli 80-90 minuti.....


continua......


fonte: my-personaltrainer.it

Nessun commento:

Vota questo articolo