venerdì 10 giugno 2011

Ufo: incontri ravvicinati. Parte terza. | Gli antichi astronauti: dei per il mondo antico, alieni per quello moderno.

Gli antichi astronauti: dei per il mondo antico, alieni per quello moderno.Ufo: incontri ravvicinati. Parte terza. | Gli antichi astronauti: dei per il mondo antico, alieni per quello moderno.


Cussac, Francia. Il luogo dell'incontro ravvicinato con un UFO ed i suoi occupanti il 29.08.1967



Il caso di Cussac


La mattina del 29 agosto 1967, alle ore 08:00, François (13 anni), sua sorella Anne-Marie (9), e il loro cane Medoro lasciarono il comune francese di Cussac, Cantal , per condurre dieci vacche a circa 800 m ad ovest del villaggio. Il cielo era chiaro, ma vi era un po 'freddo (da 12 a 16 ° C) ed una leggera brezza soffiava da ovest. C'era nebbia in due valli a 10 km da Cussac.Mentre i due ragazzi supervisionavano il branco, e giocarono a carte fino alle 10:30 del mattino, ad un tratto le loro mucche cercarono di attraversare un muro basso che li separava dal luogo di pascolo di un vicino .François salì sul muro e chiese al suo cane di richiamarli. Nel fare questo, François notò quattro piccoli esseri dall'altra parte della strada, dietro una siepe, a circa 80 metri da lui. Inizialmente pensò che fossero dei bambini. François, dopo aver scalato alcune pietre al fine di distinguere meglio, dopo averli osservati attentamente, li trovò molto strani. Le creature sembravano fatte di seta nera, senza volto distinto e privi di abbigliamento. Le loro dimensioni variavano da 1m a 1,2 m, e due degli esseri gli sembrarono più piccoli rispetto agli altri. Tutti avevano membra lunghe e sottili e normalmente teste proporzionate, anche se i loro crani e il mento sembrava più accentuato rispetto a quello degli umani 'e che sembravano avere barba '.Anne Marie, che credeva ancora che questi esseri fossero dei bambini, gridò: "Siete sicuri che tutti vogliono venire a giocare con noi?" In risposta, tutti e quattro gli esseri corsero dietro una siepe. A questo punto, i bambini si arrampicarono sulla cima di un muretto e furono in grado di distinguere una sfera estremamente brillante dietro ai 'bambini neri' che era tra i 4 ei 5 metri di diametro (anche se Anne-Marie avrebbe poi stimato che si trovava ad una distanza tra 2 e 2,5 m). La sfera era così luminosa e brillante che era per loro doloroso guardarla con attenzione.Come François e Anne-Marie guardarono, uno dei 'bambini neri " si abbassò sul campo e sembrò loro che iniziasse a lavorare con qualcosa presente sul terreno. I due bambini videro altri due esseri di profilo, e il quarto, che era il più grande del gruppo, sembrò loro che fosse in possesso di un oggetto rettangolare a forma di specchio che rifletté i raggi del Sole ed era intento ad agitare le mani come se stesse facendo segno ai suoi compagni.Tre dei 'bambini' poi volò via in verticale e si tuffò, con il capo, nella parte superiore della sfera. Il quarto essere, prima di tuffarsi nella sfera, tornò a terra, apparentemente per raccogliere qualcosa (il suo "specchio", secondo François).La sfera poi cominciò a salire in una traiettoria elicoidale, e di nuovo il quarto essere volò via dalla nave spaziale prima di raggiungere un'altezza di circa 15m in aria. A questo punto i bambini notarono che l'essere aveva i piedi palmati.Anne-Marie notò anche che l'essere aveva un "naso a punta".La sfera continuò a salire nei circoli, emanando via via sempre più luce. Poi, un rumore che accompagnò il decollo della sfera scomparve e l'astronave si allontanò rapidamente verso Nord-Ovest. Allo stesso tempo, i bambini sentirono un forte odore di zolfo. Ben presto, sia le mucche che i bambini si agitarono mentre il cane abbaiò a lungo e sembrò che volesse inseguire l'oggetto.La loro osservazione durò circa trenta secondi, dopo di che i bambini si affrettarono a condurre le mucche alla loro fattoria.In seguito intervennero i gendarmi di Saint Flour , una cittadina a 19 km da Cussac. Il sindaco conosceva bene quei poliziotti, i quali gestivano tutti gli incidenti stradali avvenuti in quel comune. I gendarmi, arrivati ​​alle ore 16:00, sentirono un forte odore di zolfo, odore che i bambini avevano descritto, così come la presenza sul terreno di erba ingiallita, una traccia di 4 o 5 metri, dietro la siepe (tracce che cominciarono a scomparire dopo il primo giorno). I gendarmi raccolsero le testimonianze, e successivamente informarono i loro superiori via radio....

per saperne di più:



Se i contenuti di questo blog ti piacciono sostienici diventando lettore fisso o fan nella nostra pagina su facebook - grazie

Nessun commento:

Vota questo articolo