lunedì 18 aprile 2011

Mini guida: da audiocassetta ad MP3

Può capitare di conservare in casa delle vecchie audiocassette che magari contengono alcuni ricordi personali o materiale difficile da reperire. Con questa breve guida spiegherò come convertirle in formato digitale su file mp3, con l'aiuto di un software gratuito di editing audio open source.

Occorrente:
  • un riproduttore di audiocassette (va bene anche un vecchio walkman).

  • Un cavo di collegamento audio che abbia per connettore un jack 3,5 millimetri (si può trovare nei negozi di componenti elettronici).

  • Il software Audacity.Inserisci link

  • l'encoder mp3 lame per Audacity.


Ecco le istruzioni:


  1. Collegate per mezzo del cavo audio l'uscita cuffia del registratore alla presa microfono del PC.

  2. Installate Audacity e avviatelo.

  3. Per sentire sulle casse del PC l'audio del registratore (è opzionale), aprite il controllo volume del vostro sistema operativo e attivate il canale audio in entrata del microfono. Ecco il percorso in Windows 7: Controllo Volume sulla barra di Windows (tasto destro)->Dispositivi di Registrazione->Scheda Registrazione->Doppio clic su Microfono->Regolare il volume dalla scheda Livelli.

  4. Nella finestra di Audacity, cliccate sul bottone REC, dunque premete PLAY sul registratore. Da questo momento l'audio viene registrato sul computer. Alla fine del nastro, cliccate su STOP.

  1. Dopo aver scaricato lame per Audacity, eseguite l'installazione.

  2. Ora torniamo nella finestra di Audacity e salviamo il tutto su file: dal menu File, cliccate su Esporta. Inserite il percorso e il nome del file e selezionate il formato mp3. Audacity vi chiederà di specificare il percorso del file lame_enc.dll. Selezionate il file dalla cartella su cui lo avete installato precedentemente.

  3. Completate la procedura di salvataggio del file.

Se volete, potete dividere il file in più parti o tagliare le parti inutili. I file mp3 così creati possono anche essere usati per creare dei cd audio tramite un comune programma di masterizzazione.

Nessun commento:

Vota questo articolo