mercoledì 13 aprile 2011

Hitler e la tecnologia aliena.

Fra il 1939 ed il 1945, anni in cui nel Vecchio Continente divampavano alte le fiamme della seconda guerra Mondiale, la Germania possedeva le forze armate tecnologicamente più avanzate al mondo; armi come l'aereo a reazione, i bombardieri di precisioni ed i missili guidati, tutti progettati con un unico scopo: aiutare i nazisti ed il loro leader, Adolf Hitler, a conquistare rapidamente l'Europa e a creare il Terzo Reich, o impero destinato alla fine a dominare il mondo.
I tedeschi svilupparono la bomba V1 e V2. La V1, sviluppata dall'azienda tedesca Gerhard-Fieseler-Werke nei primi anni quaranta ed utilizzato dalla Wehrmacht nell'ultima fase della seconda guerra mondiale, prende il nome dalla parola Vergeltungswaffen a cui è sommato il numero 1, che tradotto dal tedesco significa "Arma di rappresaglia 1"; fu così ribattezzata da Joseph Goebbels a fini di propaganda. La V1 univa le caratteristiche di un aereo a quelle di una bomba aeronautica e si può considerare il primo esempio di missile da crociera .La V2 fu un precursore dei missili balistici utilizzato dalla Germania durante le ultime fasi della seconda guerra mondiale, in particolare contro Gran Bretagna e Belgio. La sigla V2 sta per Vergeltungswaffe 2, (arma di rappresaglia 2 in tedesco, da un'idea di Joseph Goebbels) per fini di propaganda. Il missile era designato dai suoi progettisti come A4 (Aggregat 4).Già dal 1927, i membri della Società tedesca sui razzi iniziarono i primi test sui razzi a combustibile liquido. Nel 1932, la Reichswehr (la Difesa Nazionale Tedesca) si interessò degli sviluppi di questi test soprattutto per il settore militare, e una squadra condotta dal Generale Walter Dornberger rimase molto impressionata dal test di un vettore progettato e costruito da Wernher von Braun. Nonostante le caratteristiche di questo primo razzo fossero molto limitate, Dornberger riuscì ad intuire la genialità di von Braun e quindi lo spronò ad entrare nell'esercito al fine di continuare lo sviluppo delle sue ricerche.
Von Braun accettò, così come fecero molti altri membri della società. Nel dicembre del 1934, ebbe un altro successo con il missile A-2, un piccolo razzo con motore ad etanolo e ossigeno liquido.
Dal 1936, il gruppo capitanato da von Braun si concentrò sulla costruzione dei successori del razzo A-2, l'A-3 e l'A-4. Quest'ultimo era un progetto che prevedeva un portata di ben 200 km con una traiettoria che lo portava ai limiti dello spazio circumterrestre (circa 80 km) con un carico di circa una tonnellata. Questi risultati erano stati permessi anche dal miglioramento dei motori fatta da Walter Thiel. Nel 1943, con la necessità di testare l'A-3 e poi successivamente l'A-4, era ormai chiaro che i progetti di von Braun stavano diventando realtà, così il Generale Dornberger, sotto consiglio della madre di von Braun, trasferì il team da Kummersdorf (vicino a Berlino) verso una piccola città, Peenemünde, sull'isola di Usedom (litorale baltico della Germania), per fornire una migliore infrastruttura tecnica/logistica per i test ed ottenere anche una maggiore segretezza.
Il razzo A-3 risultò all'atto pratico poco affidabile, così si decise di rivedere completamente lo sviluppo di questo modello sotto il nome di un nuovo progetto chiamato A-5. Questa nuova versione era decisamente più affidabile e nel 1941 erano già stati testati circa 70 razzi A-5.
Il primo missile operativo A-4 volò nel marzo del 1942 e percorse solo una traiettoria di 1,5 km, schiantandosi successivamente in mare. Il secondo lancio ebbe più fortuna, raggiunse un'altitudine di circa 11km prima di esplodere. Il terzo lancio, in data 3 ottobre 1942 fu invece coronato da un completo successo: il missile A-4 seguì quasi una traiettoria perfetta e si schiantò a 193 km di distanza dalla piattaforma di lancio superando gli 80 km di quota. La produzione dell' A-4 partì nel 1943, comunque il suo uso bellico non fu completamente una sorpresa per gli alleati, in quanto questi erano già a conoscenza dell'arma tedesca. Infatti, successivamente ad uno dei molti test dell'A-4, in Polonia, un missile fu recuperato da militanti della resistenza polacca e i particolari tecnici erano stati poi trasmessi al servizio segreto britannico. A questo punto, per gli inglesi, fu chiara la nuova minaccia che si stava profilando all'orizzonte e quindi lanciarono una grossa offensiva contro i complessi di costruzione della A-4. In particolare la base di Peenemünde fu pesantemente bombardata nel luglio del 1943, causando ritardi nella produzione dei missili e la morte di molti tecnici ed operai, tra cui vi erano anche alcuni detenuti di un campo di concentramento vicino.
Dornberger aveva capito l'importanza di disperdere i complessi di lancio dei missili per mezzo di rampe mobili, ma Hitler fece pressione per la costruzione di immense strutture sotterranee per il lancio. I missili venivano prodotti in più fabbriche e spediti lungo le linee ferroviarie, in modo da permettere dei lanci quasi ininterrotti verso il nemico.
La produzione del missile avveniva in grandi fabbriche sotterranee, come la tristemente nota Dora-Mittelbau, al riparo dai bombardamenti alleati. Il costo di produzione di una V-2 era comparabile a quello di un bombardiere e certamente non giustificato dal limitato carico (meno di una tonnellata) di alto esplosivo.
Dal documentario del regista Mauro Vittorio Quattrina intitolato Tunnel Factories (2010), si apprende che a Torbole (TN) sul lago di Garda, presso la galleria Caproni, venivano costruite parti della V-2 che venivano inviate poi in Germania; in quella galleria sotto la direzione dell'Ing. Pizzini venivano costruiti anche lamiere e particolari minuti degli aerei a getto me262.
Vi fu anche l'idea di progettare appositi U-Boot in grado di trasportare questi nuovi missili. L'alto costo dell'ordigno e la paritetica limitata capacità di carico, fecero ritenere ai servizi segreti alleati, che il successivo passo tedesco sarebbe stato l'uso del missile come vettore per una bomba a fissione nucleare.



Disegno del missile A9/A10 (Fonte: wikipedia.it)
Il programma missilistico tedesco era anni avanti rispetto a quello delle nazioni alleate. Alla fine della guerra stavano sviluppando la A10,conosciuto anche con il nome di "missile New York", un missile balistico a medio raggio (MRBM) della famiglia Aggregat sviluppato in Germania nella prima metà degli anni quaranta da Wernher von Braun. Si trattò del primo progetto realizzabile di un missile balistico con capacità transcontinentali, che avrebbe dovuto effettuare il primo volo nel 1946. Tuttavia, come gran parte dei modelli della famiglia Aggregat, rimase sulla carta. 
Gli scienziati tedeschi erano invidiati in tutto il mondo, anche dai nemici, ma dove attingevano per le loro incredibili conquiste? Erano semplicemente più intelligenti di altri loro colleghi di altri paesi, ricevevano maggiori finanziamenti e risorse per le ricerche, oppure, come credono alcuni teorici degli antichi astronauti, erano guidati da altre forze, probabilmente extraterrestri?
Nel 1936, tre anni prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, nella foresta nera tedesca, così come raccontato nel 1993 da Jan Van Helsing,un controverso autore tedesco che abbraccia le teorie della cospirazione, nel suo libro "Secret Societies and Their Power 20th Century", avvenne uno strano incidente. Secondo Van Helsing coloro che abitavano vicino la cittadina tedesca di Friburgo furono svegliati da quello che sembrava l'impressionante schianto di un aeroplano. Ma quando gli investigatori esaminarono il sito restarono esterrefatti avendo rinvenuto uno strano velivolo a forma di disco, ed all'interno vi erano i resti di quelli che sembravano esseri extraterrestri. Van Helsing sostiene, inoltre, che a poche ore dallo schianto truppe SS di Hitler si impossessarono del velivolo abbattuto e dell'equipaggio deceduto e che lo trasportarono nel loro segretissimo quartier generale presso il castello di Wewelsburg. 
"Hitler era un mistico ed un occultista. Hitler e le sue società segrete sapevano molto di più circa l'origine dell'umanità, la struttura della Terra, anti- gravità e di "energia libera" di quanto ci viene insegnato oggi. Questo è anche il motivo per cui tutti gli scritti ed i libri che potrebbero divulgare questa conoscenza sono stati rimossi o vietate da parte degli alleati, per garantire che l'umanità possa essere facilmente manipolabile. Questi erano i segreti meglio custoditi del Terzo Reich.
I russi hanno messo le mani sulla costruzione dei dischi volanti nazisti, sui primi disegni. Perché sono solo poche le persone che hanno sentito parlare di queste cose, o degli sviluppi di NIKOLA TESLA , tra i quali le macchine di energia libera, trasferimento di energia senza cavi, anti-gravitazione e il cambiamento del clima con l'uso mirato di "onde stazionarie"? Quali conseguenze avrebbe avuto la conoscenza di forme di energia libera e l'uso di dischi volanti, che usano solo l'energia del campo magnetico terrestre?
Secondo molti teorici del complotto queste forme di energia esistono. Sono già esistenti da almeno 90 anni e sono stati tenuti segreti per tutto questo tempo.
Perché erano tenute segreti?
Perché le persone su questa terra sono controllabili attraverso la parcellizzazione delle fonti di energia, il cibo e il mantenimento delle conoscenze." (Testo estrapolato dalla parte introduttiva del libro "Secret Societies and Their Power 20th Century" di Jan Van Helsing)
Secondo alcuni dossier scoperti dagli Alleati dopo la fine della seconda guerra mondiale, gli scienziati tedeschi cominciarono a sperimentare le tecnologie antigravitazionale poco dopo la presunta scoperta dell'astronave aliena. Nel 1938, dopo aver ricevuto da Mussolini i files del Gabinetti RS/33, Hitler mise all'opera i propri progettisti per la costruzione dei Fliegende Scheiben (i dischi volanti terrestri) in un'opera di retroingegneria aliena.
Si partiva dai carteggi riguardanti un oggetto finito e si cercava di ricostruirne il funzionamento per mettere a punto dei rivoluzionari aerei discoidali con i quali il führer sperava di spezzare le reni agli Alleati. Evidentemente non fu possibile ricreare in toto i dischi volanti, sia per il gap tecnologico che ci separa dagli alieni, sia per la mancanza di materie prime (principalmente il combustibile alieno) e leghe che evidentemente costituivano il disco; dopo la guerra a seguito del crash di Roswell, gli americani hanno tentato di replicare lo stesso esperimento, con un margine maggiore di successo ma senza peraltro venire a capo del sistema con cui riprodurre la propulsione aliena. Molti suppongono che nel 1934 Hitler incontrò Viktor Schauberger , lo scienziato austriaco che formulò il principio di "implosione", grazie al quale sviluppo tecnologie futuristiche e poté costruire quelli che sarebbero stati gli UFO nazisti.....




Fonte:
http://anticoastronauta.blogspot.com/


Nessun commento:

Vota questo articolo