mercoledì 13 aprile 2011

Davide Van de Sfroos - Sugamara

video

testo e traduzione


La giurnàda l’è scrivüüda in sö fuund del sò
büceer
culuràda in rùss e in negru cume i culzòn di
Carbinieer,
Sügamara el solta giò de la sua motu
tarucàda,
el vàrda in giir cun’t i sò öcc che g’hann
l’effetto de una pesciàda,
l’è staa de scià, l’è staa de là, l’ha divurziaa, l’è
naa in presòn,
el supporta piö la radio, i ciclamini e gnaa i peviòn......
Sügamara......Sügamara......
Sügamara......Sügamara......
Sügamara salamandra, anima in pena, facia
de màtt,
cicatriis cume un suriis, destén che paga mai
riscàtt,
un medagliòn cun deent un böcc de quaand i
g’hann sparaa in Türchia,
l’è fö di strasc, l’è fö de coo, l’è en aria cume
una funivia...
Tutta sta gente culuràda, tràda in gìrr cumè
Shangai,
lüü la sa, lüü l’è convinto, l’è stad la causa de
tücc i sò guai.....

Se gh’ii de vardà... se gh’ii de vardà...
Ii mai vedüü el dado intaant che l’è dree a
girà
Se gh’ii de vardà....se ghìii de vardà...
L’è l suriis che fa la pistola...prema de
sparà...

Intaant che’l mangia una banana el fa el
disègn per una rapina
el tira fö una rivultèla con scritto sopra made
in Cina,
Sügamara cuore diesel, cun’t i zanzaar in del
cervèll,
vita storta e senza filtro, sistemàda cul
martèll...
Cumè un pirata della Malesia, cumè un pilota
d e la malura,
apucaliss cun scià el Gilera che de rüva' veed
mea l’ura
Sügamara.... Sügamara...
Sügamara.... Sügamara ....
Occhiali da tafano dell’autogrill di
Fiorenzuola,
entra in banca el riid, el vusa, el tira fö la sua
pistola:
“Vöri mea speend pruiettil, quindi fö tücc i
danèe
e pö ve làssi nà in giir ancamò cun’t el muund
suta i pee...!”
E lüü la sèra propi mea, perchè lüü l’è rüvaa
incöö
ma l’omm de la del vedru a l’è propi el sò
fiöö.....

Se gh’eet de vardà, se gh’eet de vardà...
eet mai vedüü una pistola in man al to pà...?
Se gh’eet de vardà, se gh’eet de vardà...
Se gh’eet de vardà, se gh’eet de vardà
Tira fo i man del cassètt, el soo cusa te voret
fa
Se gh’eet de vardà, se gh’eet de vardà
Podet mea fermà un dado intaant che l’è dree
a girà...



La giornata è scritta sul fondo del suo bicchiere
Colorata in rosso e nero come i calzoni dei
carabinieri
Sügamara salta giù dalla sua moto taroccata
Guarda in giro con i suoi occhi che hanno
l’effetto di una pedata
È stato di qua, è stato di la, ha divorziato, è stato in
prigione
non sopporta più la radio , i ciclamini e neanche
i piccioni
Sügamara...
Sügamara salamandra, anima in pena, faccia da
matto
Cicatrice come un sorriso, destino che non paga
mai il riscatto
Un medaglione con un buco di quando gli hanno
sparato in Turchia
È fuori dagli stracci. È fuori di testa, è in aria
come un funivia
Tutta questa gente colorata, buttata in giro come
Shangai
Lui lo sa, lui è convinto’ è stata la causa di
tutti i suoi guai

Cosa avete da guardare...Cosa avete da
Guardare...
Non avete mai visto il dado intanto che sta
Girando...
Cosa avete da guardare...Cosa avete da
guardare...
E’ il sorriso che fa la pistola prima di sparare

Mentre mangia unam banana, fa il disegno per una rapina
tira fuori una rivoltella con scritto sopra “made in cina”
Sügamara, cuore diesel, con le zanzare nel
cervello
Vita storta, senza filtro, sistemata col martello
Come un pirata della Malesia, come un pilota
della malora
Apocalisse col Gilera che di arrivare non vede
L’ora
Sügamara.....
Occhiali da tafano dell’autogrill di Fiorenzuola
Entra in banca, ride, urla, tira fuori la sua
pistola:
“Non voglio spendere proiettili, quindi fuori
tutti i soldi
e poi vi lascio andare in giro ancora con il mondo
sotto i piedi...!
E lui propio non lo sapeva, perchè è arrivatto
oggi,
ma l’uomo di la del vetro è propio suo figlio.....

Cosa hai da guardare...Cosa hai da
guardare
Non hai mai visto una pistola in mano a
Tuo padre...?
Tira fuori le mani dal cassetto, so cosa vuoi
fare...
Cosa hai da guardare...Cosa hai da
guardare...
Non puoi fermare un dadointanto che sta
girando

Nessun commento:

Vota questo articolo