domenica 24 ottobre 2010

resoconto pizza segreta del sabato

Tutti o quasi presenti all'orario x stabilito nel luogo segreto dell'appuntamento.
Ci rechiamo, da coordinate del post precedente, nel paese dove si trova la pizzeria; giriamo un po a vuoto per eludere eventuali macchine curiose che ci seguono.
Secondo programma alle 21.30 precise siamo al locale dove l'organizzazione aveva nel pomeriggio prenotato quasi subito ci accomodiamo ed ordiniamo.
Nella breve attesa stiliamo il nostro programma rivoluzionario che prevede la proclamazione di indipendenza della stessa pizzeria a fine mangiata con relativa occupazione del locale stesso, la dichiarazione di guerra allo stato italiano tramite ambasciatore in un elegante completo grigio, inno tratto da canzone di alamia e sperandeo, vessillo con raffigurazione di una vecchia depilata, leader carismatico a cui attribuire le colpe di eventuale fallimento, leggi razziali contro i single.
Arrivano le portate, il capitano tanto per rimanere in forma si sbava 4-5 focacce con ricotta per poi procedere a pizza pesantissima, volano parole grosse per lui e qualcuno gli minaccia panchina martedi. Il solito rosato tira fuori argomenti di pornografia, stavolta recenti e si procede così imprecando contro qualche assente.
A fine serata ci si dirige in corteo verso il bar per un ultimo caffè; rosato guida l'avanguardia rivoluzionaria di un gruppo di intrepidi pronti a tutto, meno che ad offrire una tazza di bevanda nera, questa volta manca il politicante a cui scroccarlo ma per fortuna un pazzo tira fuori 5 euro che sono requisite del sublime capitano che si attribuisce il merito di donare a tutti trattenendosi il resto. Ora rosato ci parla della sua infanzia violata e di tristi storie di vita; giunge l'ora del rientro, ci si lascia con qualche lacrima e con la promessa di un arrivederci, questa volta targato mago, ed è proprio nella sua attesa che presto ritorneremo in tuo in zona termini imerese.
Grazie ragazzi continuate così.

Nessun commento:

Vota questo articolo