domenica 4 aprile 2010

Una vita nel sottopiede

Ai confini della realtà tra l'alluce e il tallone si erge maestoso l'arco plantare. Appena sotto c'è costantemente una pozza d'acqua che gli igienisti chiamano sudore e sporcizia.
E' qui, a 60 cm dal luogo più pulito, nelle gelide temperature della pozza di sudore ha preso vita una nuova forma di esistenza altrimenti chiamata batterica. Scoperta durante la giornata odierna è sottoposta a stretta sorveglianza di carattere scientifico a tutela di interessi non sempre disinteressati della sua sopravvivenza a rischio di estinzione.
Il desiderio del caparbio batterio di uscire dal gesso per combattere il pensiero dominante è una delle forme più originali di resistenza conosciute…un simbolo della lotta per l’autodeterminazione contro un sistema che chiama igiene quella che in realtà è un’imbarazzante difesa del perbenismo borghese.
In ogni momento la reazione monta la guardia, scruta la pozza di sudore e quando il batterio istigatore tenta di uscire da quella vasca di acqua ripugnante alla conquista di un mondo sconosciuto, abbandonando quel modus vivendi chiamato neotribalismo, una voce echeggia in tutto il Capo: pulito!!!
Martedì mi toglierò il gesso e l'ultimo baluardo della resistenza sarà eliminato ma sarà una sconfitta per l'umanità e per la sua voglia di riscatto oltre i confini della propria esistenza.
ONORE AI POPOLI CHE LOTTANO PER LA LIBERTA' E PER LA PROPRIA TERRA
ESISTE SOLO IL PALERMO

3 commenti:

fenomeno ha detto...

forse dovresti toglerlo prima gia domani...fallo fiche sei in tempo..

guarnaschelli ha detto...

si dai ascolto al fenomeno prima che l'esistenza si impossessi di te.. fallo, fallo !!

il capitano ha detto...

adesso che togli il gesso potrai recarti finalmente da un buon psicanalista..

Vota questo articolo