mercoledì 12 agosto 2009

il miglior tramonto

Il concorso volge al termine, le fotografie tutte di notevole fattura esprimono emozioni e suscitano ricordi di lontana memoria. I fugaci e cangianti colori del tramonto impressi per sempre in queste fotografie meritano la giusta attenzione ed una disamina accurata. L'opera presentata da Ultras riproduce uno schema classico il sole che quasi sfiora l'acqua prima di scomparire nell'abisso. Il Mancio si affida alle infinite sfumature di violacei colori in un mare blu cobalto. Il Messina coglie in un'unica foto gli elementi fondamentali: acqua, terra ed aria in una sintesi dai contenuti romantici. Ma il capolavoro indiscusso è l'opera del Siriano che riesce a catturare un sole sorridente seppur in declino verso l'ignoto.

13 commenti:

ultras liberi ha detto...

Il siriano non ha il senso delle misure della prospettiva della geometria il siriano non ha proprio senso in quanto tale

sagoma ha detto...

il faccione sproporzionato del " sole Merlino", operazione certamente voluta dal Siriano, induce a riflettere sulla precarietà della vita racchiusa in un'istante temporale impossibile da cogliere contenuto in una bolla di sapone pronta ad evaporare. Per cui l'operazione culturale voluta, cercata e trovata dal Siriano diviene la pietra miliare di un nuovo modo di vedere e capire il mondo..

sagoma ha detto...

non cercare il senso delle proporzioni, le geometrie euclidee, ma lasciati rapire dai mille significati e dalle infinite emozioni che tale straordinaria opera offre..

Sgarbi

sagoma ha detto...

il contrasto tra il volto sorridente del Merlino ed il viale del tramonto in cui si trova ti lascia indifferente?

ultras liberi ha detto...

Mi vuoi dire che l'intento del siriano è quello di mostrare quello che merlino è stato x tutti noi ovvero non un sole lontano a noi avulso ma bensì qualcosa a noi vicino qualcsa che hai illuminato le nostre vite calcistiche non dall'alto ma accanto noi come se fosse un fratello maggiore??Mi vuoi dire che l'intento del siriano è quello di mostrare che il merlino nonostante sia al tramonto ci appare sorridente come volesse tranquillizarci??

sagoma ha detto...

il Siriano vuole riflettere i significati del cosmo nella sua opera, vuole dare al Merlino la giusta collocazione nell'universo intero. Ovviamente dubito che il Siriano sapesse pienamente, intuito certamente si, dei tanti risvolti antropologici e filosofici dell'opera presentata.

ultras liberi ha detto...

Che il siriano abbia voluto puntare sulla sovrapposizione dio-merlino? Che volendo far riflettere sul ruolo di dio nella società postmoderna abbia voluto rappresentarlo nelle vesti di un merlino ormai al tramondo della sua gloriosa carriera calcistica??

ultras liberi ha detto...

Vorresti forse dire che il siriano sia un neoavanguardista?? Che è abbia fatto sue le idee di baudelaire riadattandole alla fotografia del terzo millennio con il nome di solangismo?

sagoma ha detto...

lo definirei più un neosurrealista per la sua capacità di aprire nuovi orizzonti onirici all'arte contemporanea.

sagoma ha detto...

il solangismo ternime appropriato per definire il postdecadentismo e l'eccesso di consumismo, di cui il Solange è vittima, che produce una politica, una società, il cui perno è la relatività.
Il tutto pienamente espresso nell'opera del Siriano che cerca di dare un riferimento inamovibile su cui fondare la filosofia moderna. Tale inamovibile riferimento non poteva non essere il Merlino, ecco svelato il significato del Sole Merlino nel Capolavoro del Siriano. Tuttavia tale inamovibile riferimento tramonta lasciando nel caos primordiale l'umanità intera.

ultras liberi ha detto...

Ma anche la lussureggiante "Cappella" del Nivoli potrebbe essere apripista di una nuova corrente all'interno del neosurrealismo?

sagoma ha detto...

l'esperto in questione è il Fenomeno autore di un saggio proprio sulla cappella del Nivoli. In sintesi l'opera del fenomeno sulla cappella del Nivoli è tra le più ammirate del panorama culturale-artistico perchè contiene chiari riferimenti all'utilizzo di simboli fallici nell'arte, cosa tra l'altro che adopera anche il Siriano utilizzando il faccione del Merlino. Il saggio del Fenomeno è rimasto incompiuto a causa del suicidio dell'autore, si vocifera avvenuto dopo un confronto tra la sua cappella e quella del sopra citato Nivoli,ciò nonostante la portata dell'opera è di sicuro interesse. Per ulteriori dettagli consulta il saggio del Fenomeno.

siriano ha detto...

x me non avete capito un c...zz.

Vota questo articolo