venerdì 6 marzo 2009

Resoconto viasirio

Ennesima entusiasmante sconfitta della via sirio, che si colloca al penultimo posto della classifica di un torneo di cui disconosco il nome e l'organizzatore, contro un squadra nettamente superiore composta da giovani e sguscianti tessarati di calcio e calcetto.


Sarebbe ingiusto e impietoso dare voti ai componenti della viasirio, (tranne che per renato il migliore), per la prestazione conseguita, visto l'enorme divario tecnico e psicologico con gli avversari. Ci si limitera' a brevi commenti sui singoli:
tuttoilmondo 8 - il migliore, evita un passivo che poteva essere più pesante! Para tutto quello che si poteva parare nulla può contro gli avversari che si presentano in 2 o in 3 davanti la porta. La sua bravura e professionalità desta tenerezza e rammarico per avere come compagni di squadra gente che nella vita potrebbe fare altro che giocare a pallone. Saggiamente evita di inverire contro i compagni, avendone compassione e commiserazione visto il divario tecnico con gli avversari. Inveisce a denti stretti e mentalmente contro messina, negli spogliatoio, per apprezzamenti di quest'ultimo sul collettivo del catania e sulle prodezze di mascara, aizzato dal fenomeno.
rosato - il mono blocco di viasirio n 9 settimo piano da tutto quello può (cioè niente) alla squadra. Si impegna con passione e grinta sia in fase difensiva che offensiva (realizzando un gol) ma poi (dopo circa 5 minuti dalla sua entrata in campo) affonda insieme ai compagni di fronte alla tempesta avversaria. Fino alla fine non molla mai come del
resto nella vita reale piena di amarezze e sofferenze (visto anche il cognato che si ritrova) .
nivoli - fin da quando ero bambino, i grandi nel volermi inutilmente spegnarmi il gioco del calcio, mi dicevano: un giorno dalla tua difesa darai palla a nivoli a centrocampo e lui penserà a far gol è stato e sarà sempre così fino alla fine del tempo. Ora questo dogma sembre non essere più valido, il puledro del villaggio è senza mordente fuori forma svuotato da precedenti cavalcate. A lui gli si chiede di alzare il tasso tecnico e la velocità della squadra non di adegursi alla mediocrità di questa. Nello spogliatoio, comunque si mette in evidenza per il preciso e oscillante pendolo, (che segna i quarti d'ora tramite il quale i compagni ne approfittano per regolarsi gli orologi), che da un po di allegria e compattezza al già depresso ambiente.
picone -vaga per il campo in cerca di lavoro e di se stesso, anche se è in netto progresso rispetto alle prestazioni precedenti. Si sacrifica in fase di copertura e di interdizione per poi perdersi insieme agli altri inseguendo inutilmente gli avversari. Lo scugnizzo di via del capricorno ormai si è trasformato in un preciso trequartista, un vero e proprio centravanti tattico un po marco osio del parma pochi gol ma tanto lavoro per i compagni. Doti però da migliorare e perfezionare; il tempo gli darà ragione. Si evidenzia per un pallone scagliato fuori il campo con tanta rabbia che gli fa sfiorare l'ammonizione ma che è indicatore di grinta e dedizione alla causa.
solange - questa volta il principe degli anticipi si fa anticipare e saltare puntualmente. L'architetto della viasirio , il metronomo del centrocampo, il faro illuminante (tranne che per il solito ed inutile lancio per il fenomeno), concentra tutte le sue doti in fase difensiva nel disperato e vano tentativo di arginare le sfuriate avversarie; è uno degli ultimi ad arrendersi. Ammirevole il coraggio con cui affronta avversari più dotati di lui ma niente può, come del resto i suoi compagni, contro la valocità e la classe del nemico. Nullo in fase offensiva.
messina - in lento e progressivo miglioramento rispetto alla precedente partita. Praticamente fermo nel primo tempo, (con fase digestiva da concludere), lo si nota a parte il gol, per una lentisima corsa sul posto; gli avversari dopo averlo saltato ritornano indietro, dato che lui non c'è la fa, per risaltarlo di nuovo. migliora nel secondo tempo sia sotto l'aspetto fisico ma sopratutto mentale (dopo aver, nell'intervallo, risolto mentalmente alcune riflessioni di vita). Ma ancora decisamente non ci siamo. Bisogna che dia molto di più. I compagni credo in lui ma lo stesso non crede in se. Alcuni lo hanno visto attualmente ancora al campo ad inseguire avversari che ormai sono chissa' dove.
chiovaro g. - voilà il circo a palermo è tornato. Il mancato colpo di testa in stile foca ammaestrata con una elevazione da terra di circa - 5 centimetri è il sunto della sua partita. tanta allegria e divertimento per compagni avversari arbitro e spettatori. Si evidenzia per farneticanti visioni di una partita completamente diversa dalla sua realtà e per progetti di capocannoniere di squadra irrealizzabili. Da ricordare il simpatico siparietto con cui mentre esce per dare il cambio viene verso messina che si appresta a battere un dallo laterale dando l'mpressione di voler ricevere palla, inducendolo a fargli fare un passaggio a vuoto. Sua anche la frase della serata; sul terzo gol segnato dalla via sirio (punteggio parziale 8 a 3 per gli avversari a 10 minuti dalla fine) afferma: con tre passaggi siamo in porta.
In conclusione non c'è niente da recriminare; i ragazzi hanno giocato fino alla fine contro avversari molto più forti e dotati (ricevendone anche i complimenti) dando tutto quello che attualmente possono dare senza mai tradire il loro modulo tutti in attaco senza criterio con il portiere in difesa. Questa è la via sirio questo è spettacolo puro!!!

1 commento:

il capitano ha detto...

sono quasi commosso e il rimorso di aver lasciato la via sirio al suo scontato destino mi toglie il sonno..
dispiaciuto per i risultati ma allo stesso tempo consapevole che prima o poi un padre deve lasciar andare i suoi figli voglio solo augurarvi di uscire dal campo sempre a testa alta perchè l'importante non è vincere ma almeno non fare malafiura..
Con sghignazzamento Il Capitano

Vota questo articolo